Na figur’e’mmerda

Uno scivolone, diremmo. Una serata storta, un errore tattico direbbe Ventura. Una giornata no, dicono gli interpreti. Una figura indecente, a dire la verità. Non si può definire altrimenti.

Non ha funzionato niente, fin nei minimi particolari. Il Verona ha strameritato di vincere e ha affondato la sua lama di buona qualità nella difesa formato burro del Torino, mai così disastrosa come oggi. Se il primo gol poteva essere un incidente, gli altri sono stati tutti degli errori, del portiere, del difensore che sbaglia la marcatura, del difensore che si spinge in avanti e del centrocampista che va a piede molle su un contrasto decisivo. Insomma, una trafila di errori che hanno portato ad un disastro, coltivato e cresciuto con l’Olimpico al tutto esaurito, che comunque alla fine ha sostenuto la squadra senza fischiarla.

Primo posto perduto a favore di un Pescara che merita, imbattibilità casalinga perduta, migliore difesa della serie B ceduta ad un Sassuolo non proprio da fantascienza. E partita persa con un Verona pieno di giocatori che correvano al doppio della velocità dei nostri, a giudicare dal risultato non si può dire che Ventura non abbia ragione quando critica le proprie scelte e sceglie di incensarsi il capo.

Adesso bisogna raccogliere quel poco che il Toro ha a disposizione per arrivare fino in fondo. Il Verona non è imbattibile (si spera) e forse ci sarà qualche altra squadra oltre la Samp capace di fermarla. Il Toro ha giocato contro quasi tutte le grandi e deve amministrare al meglio il vantaggio per non trovarsi con una mano davanti e l’altra dietro all’appuntamento di Pescara alla terz’ultima.

Come al solito del Toro, mai  che si riesca ad andare in carrozza. Sempre a piedi e tra mille pene. Della prestazione dei singoli giocatori, meglio non parlare, oggi il Toro non si è visto in campo, Ventura nemmeno.

Leonardo Daga
Il presente articolo è solo frutto delle riflessioni dell’autore e non riflette in alcun modo se non casualmente l’opinione dei dirigenti o degli iscritti al club.

Lascia un commento